Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

A scuola nella jungla

Alla scoperta della Green School di Bali: altro che Harvard

Giulia Sama - 01/06/2016




Durante il viaggio in Indonesia che io e il mio compagno abbiamo intrapreso lo scorso ottobre, non potevamo non visitare questo spettacolo: in una striscia di jungla nei pressi di Ubud, vicino al fiume Ajung e ai campi di risaie sorge la Green School di Bali.

Il gong annuncia l’inizio delle lezioni durante le quali gli allievi studiano in padiglioni di bambù senza pareti. I banchi sono di bambù, le sedie sono di bambù, le lavagne sono di bambù e tutto intorno c’è la jungla!

Il rumore del fiume è costante, gli uccelli non cessano mai di cantare, una gallina e due pulcini attraversano saltellando il pavimento di terra dell’anfiteatro, mentre gli inservienti raccolgono le foglie di banano utilizzate per servire un pranzo composto di cibi biologici, vegetali, integrali e a km 0. 

Il mondo del bambù 

La segnaletica ci guida tra diverse aree didattiche, fatte di padiglioni in bambù con tetti verdi ricchissimi di piante erbacee, isole ecologiche, aree dedicate a svariate attività, e servizi igienici, tutto sempre costruito in bambù. Dello stesso materiale sono le arpe con cui gli allievi studiano musica, oppure i recinti all’interno dei quali praticano sport. Camminando felici, come se ci trovassimo nel paese dei balocchi, raggiungiamo il ponte Kul-Kul, la prima struttura costruita nel 2007, che si stende per 22 m sopra il fiume Ayung dove una decina di ragazzini fanno il bagno tra tuffi e risate di gioia: che fosse l’ora dell’intervallo?

Le curve concave e convesse delle strutture architettoniche, di derivazione organica, hanno funzioni parzialmente ornamentali, ma seguono anche la naturale tendenza del bambù ad arcuarsi e torcersi. 

Una scuola per i futuri leader 

Ma torniamo alla scuola: la Green School è un esempio di quello che una scuola dovrebbe essere, di come si può vivere in armonia con l’ambiente circostante, collaborando con esso e non contro.

Qui gli studenti ricevono conoscenze adeguate e pertinenti, soprattutto per sostenere il cambiamento nel modo in cui stiamo gestendo il pianeta.

Questa è la visione che ispirò Cynthia, americana, e il suo compagno, il designer canadese John Hardy, che vivono a Bali da più di trent’anni. Nel 2007, dopo aver ceduto la loro proficua attività nel ramo della gioielleria, hanno fondato questa scuola, concepita come alternativa agli istituti internazionali disseminati nell’isola e legati al concetto dello spazio didattico chiuso tra quattro mura.

Volevano creare una scuola veramente stimolante, al di fuori dei limiti strutturali, concettuali e fisici di molti istituti tradizionali: e ci sono riusciti.

Ispirata al modello educativo di Rudolf Steiner, imperniato sul concetto di apprendimento esperienziale, la Green School punta a educare i leader futuri nel campo della sostenibilità.

Il suo curriculum coniuga il rigore accademico previsto dagli istituti classici con parecchie ore di apprendimento esperienziale all’interno di un curriculum di studi “verdi” e un uno di “arti creative”, che trasformano la scuola in un laboratorio vivente dove gli studenti imparano a lavorare il bambù, coltivare il riso e altri ortaggi, l’ecologia dei fiumi e della jungla e anche a tutelare le specie a rischio di estinzione. E se si ha l’impressione che l’apprendimento in un ambiente privo di pareti possa comportare problemi di disciplina, Cynthia racconta che, in una settimana, i bambini dislessici che giungono alla scuola appaiono concentrati e a loro agio all’interno del “caos della natura”. L’insegnamento parte dalle nostre “elementari” fino al biennio superiore.

È un progetto incredibile, all’avanguardia nel campo dell’istruzione e dell’edilizia. Visitare la Green School significa entrare in un universo estetico a cui i nostri occhi non sono abituati: qui l’architettura globale non si distacca dalla natura circostante, ma ne fa parte in una maniera sconcertante.

I valori della Green School 

Le regole alla base di ogni decisione sono semplici: 

  • essere locali;
  • lasciate che il vostro ambiente sia la vostra guida;
  • pensate a come i vostri nipoti saranno influenzati dalle vostre azioni. 
     

Gli otto valori guida sono: Integrità; Responsabilità; Empatia; Sostenibilità; Pace; Uguaglianza; Comunità; Fiducia. 

Per info: greenschool.org

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 44


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Turismo Responsabile,Naturalmente bambini e genitori




Non Tradire Tuo Figlio

Editore: Uno Editori

Prezzo: 13,35€ (invece di 15,70€ )

Genitori al Contrario

Editore: Uno Editori

Prezzo: 11,65€ (invece di 13,70€ )


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati