Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

Andiamo all’asilo nel bosco!

Quando la scuola unisce educazione, vita all’aria aperta, gioco e crescita personale del bambino

Paolo Mai - 27/01/2017




I bambini vivono nel presente, se chiediamo loro se preferiscono una caramella oggi o cinque domani la scelta cadrà sicuramente sulla prima opzione.

In virtù di questo, i nostri sforzi – in quanto genitori ed educatori – devono essere concentrati nel garantire loro un presente piacevole, poiché questa è la base per garantire loro un futuro soddisfacente.

L’Asilo nel Bosco nasce da questa idea.

La nostra aula

La maggior parte degli Asili nel Bosco in Europa e nel mondo trascorre l’intera quotidianità scolastica all’aria aperta, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche. Noi dell’Asilo di Ostia Antica ci siamo dotati di una struttura coperta nel caso in cui i piccoli manifestino il desiderio di non uscire, sebbene nella realtà questo accada molto raramente.

Lo spazio interno è strutturato in centri d’interesse: l’angolo della lettura, il gioco simbolico, la bottega creativa, lo spazio per il gioco, la sala espressione e un bel camino con tanto di divano e sedia a dondolo. All’esterno uno dei giardini è strutturato come l’interno, con tanto di casetta sull’albero e una piccola fattoria degli animali, ed è lo spazio dove spesso facciamo l’accoglienza.

In ogni caso, tutti gli spazi, sia interni che esterni, sono in costante evoluzione. In questo modo possiamo rispondere ai bisogni dei bambini in crescita e aumentare l’efficacia di pari passo con il crescere dell’esperienza.

Stare all’aria aperta in ambienti sempre diversi è molto importante, ci permette di mantenere vive alcune attitudini del bambino che a noi paiono fondamentali: la curiosità, l’autonomia, il senso d’avventura, la capacità di stupirsi, la fantasia, la creatività, l’immaginazione, la motricità, lo sviluppo dei cinque sensi e il senso di libertà che, solo quando il confine è l’orizzonte, può manifestarsi in tutta la sua piacevolezza e poesia.

La relazione e il maestro facilitatore

Spesso il maestro è colui che detta le regole del gioco imponendo attività cui il bambino deve adeguarsi senza avere un ruolo attivo nelle proposte quotidiane. All’Asilo nel Bosco questa visione è totalmente ribaltata. L’educatore è colui che, partendo dall’osservazione dei bisogni e degli interessi di ciascun bambino, lavora in maniera discreta sul contesto per facilitare il naturale processo di crescita.

Molto efficace è a tal proposito la metafora della pianta e del buon contadino. Un seme contiene in sé tutte le informazioni e le risorse che gli permetteranno di diventare una pianta robusta e rigogliosa. Un buon contadino sa che per ottenere buoni frutti dalle sue piante non deve tirarle o indirizzarle per farle crescere più velocemente o per permettere loro di dare più frutti. Un buon contadino sa che ciascuna pianta ha bisogno di un ambiente che gli è proprio, fatto di un certo tipo di terra, di una determinata quantità di sole e di una giusta dose di acqua.

Quindi compito del buon contadino è quello di conoscere le particolarità di ciascuna delle sue piante e creare il contesto più adatto affinché ciascuna di loro, con i tempi che le sono propri, cresca armoniosamente. Il buon contadino sa bene che l’ingrediente più importante per avere un orto e un frutteto rigoglioso è l’amore.

Il buon maestro, come il buon contadino sa che ciascuna delle creature di cui si prende cura ha i suoi tempi e la sua individualità e per questo non si mette a giudicare o a imporre un ritmo di crescita comune a tutti.

Sa soprattutto che ciascun bambino in un determinato momento può avere interessi e bisogni diversi e per questo deve evitare di fare proposte uniche, cercando invece di creare quelle situazioni che permettano a ciascuno di loro di crescere seguendo il proprio unico e irripetibile percorso.

Compito del buon maestro è infine quello di amare i propri bambini, sapendo bene che amare significa sia saper dire no (i no tracciano quel perimetro senza il quale il pargolo si troverebbe in uno spazio troppo grande da gestire), e permettere al bambino di vivere delle sane frustrazioni.

Le frustrazioni sono molto importanti, perché permettono al bambino di vivere situazioni non piacevoli che gli insegneranno a trovare delle soluzioni ai problemi e a cavarsela durante la vita. Ovviamente affinché le frustrazioni siano sane non devono essere costanti e ripetute e soprattutto non devono nascere da eventi traumatici.

La relazione e il ruolo attraverso il gioco

Il gioco è lo strumento attraverso il quale il bambino conosce se stesso, gli altri e il mondo circostante. Attraverso il gioco, il bambino affina le sue capacità motorie e manipolative, verbali, sociali e attraverso esso appaga il suo bisogno di fare, di conoscere, di mettersi alla prova, di sperimentare e di modificare creativamente la realtà attraverso l’uso della fantasia e dell’immaginazione.

Giocando, il bambino impara e cresce in allegria e con piacevolezza, ed è per questo che all’Asilo del Bosco è considerato uno strumento didattico privilegiato e non un premio da dare ai bambini se si comportano bene.

Attraverso il gioco vengono sollecitate le diverse funzioni cognitive del bambino, non solo quella linguistica e logico matematica che sembrano essere le uniche che abbiano valore nella scuola italiana, ma anche quella cinestetica, quella intrapersonale, quella interpersonale, quella spaziale, quella naturalistica e quella musicale, avvalorando in questa maniera la teoria di Howard Gardner che condividiamo e che parla di quantomeno otto intelligenze.

Invece, soprattutto con il gioco simbolico il bambino si prende cura della propria dimensione emotivo-affettiva. Il gioco è anche la maniera in cui il bambino impara l’importanza delle regole e fa un ottimo esercizio di ascolto delle esigenze altrui.

Per tutti questi motivi, e anche perché quando giocano i bambini sorridono e sono portatori di una contagiosa vitalità, la scuola dovrebbe vestirsi degli abiti colorati del gioco e restituirgli il suo inimitabile valore in ambito educativo.

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 47


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Naturalmente bambini e genitori




Mio Nipote nella Giungla

Prezzo: 15,00€

I Bambini devono fare i Bambini

Editore: BUR

Prezzo: 11,90€ (invece di 14,00€ )


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati