Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

Elogio del mercato locale e del quartiere

Relazioni umane, qualità dei prodotti, chilometro zero: perché preferiamo il mercato locale e il commercio del quartiere agli ipermercati della grande distribuzione organizzata

Marianna Gualazzi - 31/07/2017




Da sempre il mercato cittadino, che da secoli occupa il centro del paese, la piazza principale della città, è luogo non solo di commercio, ma anche di relazioni umane, di scambio di informazioni, di nascita di progetti, di convivialità.

Al mercato ci andiamo per comprare, ma anche e soprattutto per incontrare: i nostri concittadini e le persone da cui acquistiamo i prodotti. Se si tratta di prodotti agricoli, spesso quella faccia e quelle mani hanno fatto crescere alcuni, se non tutti, i prodotti esposti sui banchi.

Allora il nostro contadino di fiducia ci consiglierà sulla verdura più fresca, garantendone in prima persona la provenienza; il pastore ci dirà che oggi la ricotta è venuta più saporita della settimana scorsa perché le pecore hanno pascolato in un campo ricco di una particolare erba spontanea.

 

Zero relazioni umane: supermercati

Se invece che al mercato andiamo a fare la spesa al supermercato, cosa accade di diverso?

Al supermercato ci si va solo per comprare: è raro incontrare qualcuno che si conosce, dal momento che gli orari di apertura sono molto più estesi e variegati rispetto a quelli del mercato locale. Ma soprattutto non abbiamo modo di entrare in relazione con nessuno che abbia qualcosa a che fare con la produzione dei generi alimentari che acquistiamo.

I dipendenti del supermercato posizionano i prodotti sugli scaffali, tagliano e affettano formaggi, salumi e carni, riscaldano in forno pani e dolci preparati e precotti altrove. Non sanno che cosa ha mangiato la mucca o la pecora con il cui latte è stata fatta la ricotta. La ricotta del supermercato avrà, tendenzialmente, sempre lo stesso sapore, magari sarà anche buona e le nostre papille gustative potranno vivere tranquille e sicure.

L’unico scambio che possiamo avere con le persone che sono impiegate nella grande distribuzione è quello di chiedere loro dove si trovano i prodotti. Ormai non possiamo parlare neppure con i cassieri, dal momento che gran parte delle casse con personale sono state trasformate in casse automatiche senza operatore che il consumatore utilizza da solo.

La nostra spesa all’ipermercato è un vagare solitario in uno spazio enorme e zeppo di prodotti, in cui nulla è lasciato al caso: in base alle strategie del visual marketing ogni prodotto occupa una precisa posizione, in modo da massimizzare consumi e acquisti.

Siamo solo noi e il nostro carrello da riempire: siamo solo noi e il nostro rimuginare di pensieri e preoccupazioni mentre decidiamo che sì, ci serve proprio anche quel pacco di biscotti o quello yogurt senza lattosio made in Germany.

“Persone oltre le cose”, dice lo slogan di una notissima catena di super e ipermercati: ma molto oltre le cose, mi viene da dire.

Tra mercato e supermercato: il quartiere

Io al supermercato e all’ipermercato non ci vado più.

Non ci vado più perché perdo un sacco di tempo a trovare le cose tra mille corsie. Non ci vado più perché l’aria e le luci artificiali mi fanno venire un gran mal di testa. Non ci vado più perché c’è troppa roba, mi stresso, mi deconcentro e finisce che o dimentico la metà delle cose, anche se ho fatto la lista, o acquisto cose che non mi servivano. Non ci vado più perché i prodotti alimentari, frutta e verdura in particolare, sono spesso inacquistabili, sia per i prezzi sia per la qualità.

Bassa qualità in frutta e verdura è sinonimo di molti scarti e poco sapore, e questo non mi piace.

È vero, però, che non riesco sempre ad andare al mercato: mi capita di non essere libera nei giorni in cui la piazza si riempie di bancarelle, profumi e sapori. Allora ho trovato una via di mezzo: la terza via.

Ho riscoperto il commercio nel quartiere. Passeggiando nel quartiere con i miei figli ho capito che c’è tutto quello di cui abbiamo bisogno: dal fruttivendolo al macellaio, dalla bottega dei generi alimentari alla merceria, dal negozio bio al fornaio.

Acquistare nel quartiere è molto comodo perché colgo l’occasione di fare una passeggiata a piedi il pomeriggio quando torno dal lavoro: faccio la spesa quasi tutti i giorni, acquistando di mano in mano i prodotti freschi che mi servono per la cena. Sono piccole spese che posso portare a mano o sotto il passeggino.

I negozi del quartiere sono gestiti da persone e da famiglie che fanno questo lavoro da due o tre generazioni: per quel che riguarda il settore alimentare spesso hanno prodotti locali perché conoscono gli agricoltori della zona e si fanno portare da loro prodotti freschi a chilometro quasi zero.

Ora ho il mio fruttivendolo di fiducia nel quartiere: ha una botteghina minuscola sopra una collina e dietro ha un po’ di terra sua. Le cose che non produce lui le acquista al mercato ortofrutticolo o da altri agricoltori della zona.

Si chiama Salvatore ed è di origine siciliana: quando vai da lui devi sempre avere un po’ di tempo per parlare, perché una chiacchierata è d’obbligo e senza parlare non si compra.

Chiaro che da Salvatore non trovi l’avocado o i cetrioli a febbraio: lui si rifiuta di comprarli, così come non ha i finocchi quando ci sono le gelate e li deve far pagare oltre 4 euro al chilo.

Lui dice che i finocchi a oltre 4 euro sono immorali. E come dargli torto!

E con un soggetto così in giro come si fa ad andare al supermercato? I miei figli lo adorano e gli hanno regalato un disegno del suo negozio con tanto di dedica: lui si è quasi commosso, lo ha incorniciato e ci ha regalato un cestino di fragole, un limone e una cipolla.

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 49


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Decrescita,Ambiente

Cibo Locale

Categorie: Ecologia, ambiente e decrescita

Prezzo: 4,90€ (invece di 9,80€ )

Manuale Pratico della Transizione

Categorie: Permacultura e agricoltura naturale

Prezzo: 7,25€ (invece di 14,50€ )

Vivere Senza Supermercato

Prezzo: 9,78€ (invece di 11,50€ )

La Food Revolution

Editore: Sonda Edizioni

Prezzo: 20,00€




L'Arte di Coltivare l'Orto e Se Stessi

Editore: Ponte alle Grazie

Prezzo: 7,50€ (invece di 10,00€ )

Manuale Sagrado del Fai da Te

Editore: Il Filo Verde di Arianna

Prezzo: 8,33€ (invece di 9,80€ )


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati