Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

Ernia e reflusso

Come curarli con i rimedi naturali e lo stile di vita

Romina Rossi




L’ulcera e la gastrite (di cui abbiamo parlato su ViviConsapevole 44) sono le due patologie più comuni che interessano lo stomaco, ma non sono le uniche. L’ernia iatale consiste nella risalita o scivolamento di parte del fondo dello stomaco nella cavità toracica, verso il diaframma, che si va quindi a posizionare nel torace.

Nella maggior parte dei casi questa condizione è silente e non da luogo a sintomi pericolosi. Può succedere però che l’erniazione dello stomaco, che non si trova più nella sua sede, impedisca allo sfintere inferiore – posto alla base dell’esofago – di chiudersi: il suo compito è quello di aprirsi in modo che il cibo possa proseguire nello stomaco (funge cioè porta di sicurezza per il controllo del cibo in uscita).

Una volta completata questa operazione, lo sfintere si chiude nuovamente e impedisce che il cibo e i succhi gastrici possano risalire nell’esofago. Se lo sfintere rimane aperto il cibo e i succhi gastrici risalgono nello stomaco: è il reflusso gastro-esofageo, che si manifesta con dolore anche molto intenso, tanto da essere confuso con un attacco di cuore, spasmi ed eruttazioni, e che si può verificare anche quando la digestione dura più del normale a causa di un’alimentazione poco equilibrata. Nelle situazioni più gravi il reflusso può risalire fino alla bocca, provocando il rigurgito. Se questa condizione non viene curata, può dar luogo a infiammazione cronica, erosioni, ulcere ed emorragie.

Consigli e rimedi per l’ernia e il reflusso

  • Alimentazione: evitate cibi troppo raffinati, fritti, ricchi di grassi saturi e idrogenati e la carne rossa. Limitate anche il caffè, la cioccolata, i cibi piccanti e la menta (che irrita lo stomaco). Non ingerite quantità eccessive di cibo, attendete almeno due ore dal pasto prima di coricarvi, masticate lentamente e bene. È preferibile anche non bere durante i pasti, ma alla fine (e bere in abbondanza durante il giorno). Vanno preferiti cereali integrali, verdure (meglio crude), semi oleosi (ottimi sono quelli di lino); ottima anche in questi casi è l’assunzione di mezzo bicchiere di succo di cavolo al giorno.
  • Fitoterapici: hanno un effetto benefico sulla funzionalità dell’apparato digerente: la radice di genziana, la radice di liquerizia, il succo di aloe vera, la tintura madre di olmo rosso e l’infuso di camomilla. Le alghe ricche di clorofilla (clorella e spirulina) neutralizzano l’acidità.
  • Omeopatia: in caso di reflusso si può assumere Nux vomica; Carbo vegetalis va bene nei casi in cui ci siano digestione lenta, eruttazione e gonfiore addominale; Natrum carbonicum è indicato nei casi di digestione difficile.
  • Stile di vita: chi soffre di obesità può essere più soggetto a ernia iatale, che migliora con la perdita di peso. Non indossate indumenti troppo stretti in vita perché contribuiscono allo spostamento dello stomaco; è consigliabile smettere di fumare; prima di fare sforzi o chinarsi attendete un paio d’ore dal pasto, per dare modo allo stomaco di svuotarsi completamente. Per calmare lo stomaco è utile anche adottare tecniche di rilassamento, oppure fare una leggera attività fisica.

 

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 45


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Alimentazione e salute


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati