Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

I chakra: le ruote di luce

Riequilibrare queste fonti di energia fa bene a corpo, mente e spirito

Romina Rossi - 03/08/2014




Chakra è una parola sanscrita che significa “ruota di luce”.

Il termine si trova per la prima volta descritto nelle Upanishad, i testi sacri della religione vedica indiana del II secolo a.C.; riferimenti ai chakra si trovano tuttavia anche nelle altre culture millenarie orientali e occidentali, comprese quelle dell’America precolombiana.

I chakra sono dei veri e propri centri energetici che guidano le energie sottili verso il raggiungimento del benessere fisico e spirituale: grazie a specifici canali, le nadi, da più parti paragonate ai meridiani, la potenza dei chakra influisce sul corpo a livello cellulare, arrivando persino a operare un mutamento ormonale o fisiologico.

Storicamente i chakra sono sette (anche qualche studioso ne ha individuati altri) e sono distribuiti lungo il nostro corpo – dall’area coccigea fino alla parte superiore della testa – in corrispondenza delle diramazioni del sistema nervoso.

Da un punto di vista più strettamente religioso e spirituale, compito di queste sette ruote di energia è di risvegliare la kundalini, l’energia vitale, che giace dormiente nel primo chakra e permetterle di risalire fino al settimo. Quando la kundalini entea nel settimo chakra, la persona raggiunge l’illuminazione, la totale consapevolezza, la liberazione dai confini del corpo fisico e dal ciclo della morte e della reincarnazione.

Vediamo brevemente le caratteristiche principali di ognuno dei sette chakra.

Muladhara o Adhara, primo chakra o chakra della radice o della base 
si trova in corrispondenza dell’area coccigea, collegato alle ghiandole surrenali. È la base del sistema dei chakra ed è di colore rosso: simboleggia infatti la fonte dell’energia vitale, la forza e la passione.

Se Muladhara è in equilibrio la persona è in grado di sviluppare la propria personalità e la voglia di vivere, mostrando fermezza, calma e fiducia al contrario, si sentirà debole, insicura e senza energie né stimoli, con un conseguente distacco dalle proprie origini naturali (è infatti legato all’elemento terra).

Svadhisthana, il secondo chakra o chakra sacrale
è il centro energetico della sessualità e della gioia di vivere e si trova nella parte superiore degli organi genitali, in corrispondenza dell’osso sacro. Di colore arancione, è legato alla riproduzione e alla nascita. 

È qui che si sviluppa l’energia vitale: se il chakra è in equilibrio, la persona vive un rapporto sano con la propria sessualità, e passioni ed emozioni sono libere. Anche la creatività ne beneficia, diventando una spiccata dote. Se invece il chakra non è in equilibrio emergono insoddisfazione (anche dal punto di vista sessuale), paure e gelosie.

Manipura, il terzo chakra o del plesso solare 
di colore giallo come il sole lucente, si trova nella parte superiore dell’ombelico; interessa gli organi deputati alla digestione (la ghiandola corrispondente è il pancreas) ma influenza anche il sistema nervoso e quello immunitario.

È la forza motrice dei pensieri, dei sentimenti e dei desideri di ognuno di noi.
Se ben sviluppato permette la creazione di un Io forte e sano, consapevole e volto alla realizzazione dei propri obiettivi. Se è carente di energia la persona si “lascia vivere”, è priva di orientamento e indugia nell’autocommiserazione.

Anahata, quarto chakra o chakra del cuore
 è il chakra centrale, di colore verde, situato al centro del petto, che congiunge i tre chakra inferiori con quelli superiori. È il centro energetico dell’amore, della compassione e dell’umanità.

Se il chakra è ben equilibrato, il Tu diventa Noi: si stabilisce il contatto con il prossimo senza secondi fini, ma pieno di affetto e fiducia. Allo stesso tempo, la persona impara ad amare e accettare se stessa. Per contro, se il chakra non è equilibrato, la persona tende a manifestare eccessivo egoismo, isolamento e una forte disparità fra “dare” e “prendere”.

Vishuddha, quinto chakra o chakra della gola
 è il mezzo con il quale comunicare al mondo il proprio punto di vista. Situato nella zona della laringe, controlla la tiroide e rappresenta il “suono” e la parola.

Di colore azzurro, se il chakra è ben funzionante, la persona è in grado di esprimere i propri pensieri e di confidarsi con gli altri, di concentrarsi e apprendere senza difficoltà così come essere aperta alle opinioni altrui. Dal chakra della gola dipende anche la qualità dei pensieri.

Se invece non è ben funzionante crea timidezza, inibizioni e paura del conflitto; la persona non è in grado di sostenere le proprie idee compromettendo anche l’autenticità della propria personalità. La voce è una spia del funzionamento di questo chakra: se non lo è, si manifestano raucedine, abbassamento e anche esaurimento della voce.

Ajna, sesto chakra o chakra del terzo occhio 
situato tra le sopracciglia, in mezzo alla fronte sopra la radice del naso, Ajna favorisce l’attenzione e la consapevolezza. È il chakra di collegamento con il mondo spirituale: si lasciano i pensieri terreni per formularne altri molto più alti e nobili.

Se ben funzionante il sesto chakra è in grado mettere in contatto con il mondo della fantasia, delle immagini interiori e delle visioni: se il terzo occhio si apre, la persona è finalmente in grado di conoscersi profondamente. Favorisce il bilanciamento fra intelletto e intuizione, fino al raggiungimento della pace e della consapevolezza.

Di colore indaco o blu scuro, se non è ben funzionante può causare paura, sentimenti di insensatezza o inutilità.

Sahasrara, il settimo chakra o il chakra della corona 
situato sulla sommità del capo, è di colore bianco, violetto o oro ed è legato alla pineale. È il chakra della spiritualità e dell’illuminazione.

Dovrebbe essere attivato per ultimo, dopo aver attivato prima tutti gli altri sei: questo permette di raggiungere una profonda felicità, calma e soddisfazione. La persona che ha raggiunto questo stadio è fonte di forza e ispirazione per gli altri. Se però il chakra non è ben sviluppato, si potrebbe generare una situazione di estremo isolamento, fino a un’aperta ostilità per il mondo. 

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 37


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Crescita Personale

Atlante dei Chakra

Editore: Macro Edizioni

Prezzo: 8,33€ (invece di 9,80€ )

Far Esperienza con i Chakra

Editore: Macro Edizioni

Prezzo: 8,33€ (invece di 9,80€ )













Chakra Set

Editore: Bio Luce

Prezzo: 42,70€

Mala - 7 Pietre dei Chakra

Editore: Bio Luce

Prezzo: 12,90€










Pendente Chakra Albero della Vita

Editore: Bio Luce

Prezzo: 23,40€

Pendente Chakra Energia Vitale

Editore: Bio Luce

Prezzo: 19,80€


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati