Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

Il Sentiero Sottile attraverso lo Spazio: Coscienza e Vita

Ebe Anna Navarini - 02/11/2012




... Qual'e la differenza tra un uomo, un animale, un albero, un ghiacciaio, un alveare, un universo, un pianeta, un libro, una lumaca, un batterio, una felce, la torre di babele, un maestro asceso, un insegnamento, uno spazio che si curva, una migrazione d'uccelli, una strada, una ‘rotta’ tracciata nel DNA, un traccia d'orso sulla corteccia d'un albero, il miele?

... (sono escluse dalla domanda: le brutte copie, le copie conformi, i falsi profeti, gli auto-referenziali, i ladri di energie temi vite altrui etc. etc.) ...

Quale maggior mistero di quell’ Uno/Energia del Tutto, ‘universorum spiritus’ che agisce dall’interno di ciascuna cosa, Entità, Uomo, Animale, Cellula, Stella, Galassia, Verità?

 

Pensare che ci sia una qualche differenza significherebbe ammettere una separazione, una discontinuità che non troviamo in noi se non in forma di discordia.

     

Possiamo ammettere che l’Uomo sia l’essere che più di ogni altro, lavora volontariamente per evitare trasformazioni positive e attive ma piuttosto distruttive/sfruttative.

Lo stato sociale ed economico che sino a poco tempo fa abbiamo chiamato sviluppo ora si è manifestato nella sua verità: la chiamiamo decrescita energetica (discesa energetica, secondo D. Holmgren), la qual cosa è il risultato di molta ignoranza degli Insegnamenti spirituali (del singolo e degli aggregati umani), da cui sono scaturite politiche irresponsabili di sfruttamento delle risorse del territorio, risorse umane e tutto il correlato e conseguente.

Indicazioni dal mondo della ricerca spirituale, ci confermano che molto, molto, molto lentamente l’ Uomo/Umanità sta acquisendo Coscienza di quanto stia accadendo e che sia ormai una Reale Necessità giungere ad un livello di Coscienza multi-dimensionale, che permetta di comprendere che la fase di transizione che stiamo attraversando dovrà condurre ad uno sviluppo della sostenibilità, in ogni settore e area di intervento umano, improntato al rispetto ed alla conoscenza degli equilibri delicati che l’azione umana stessa, determina.

È possibile affermare che l’Uomo sia l’ essere ‘distruttivo’ (maggior predatore, apice della catena alimentare per sua autoincoronazione esibita a suon di armi in pugno, maggior consumatore di risorse etc. etc.) per eccellenza e che per questo, è ormai noto a tutti, la Madre Terra, la nostra comune Madre, figlia dell’Universo, della Galassia e del suo Ordine Misterioso, ci sta dando segnali di disagio, abbandono, pericolo.

Se si trova in pericolo la Madre Terra, lo siamo anche noi tutti ed anche il delicato equilibrio di cui facciamo parte, perché come noto, il Sistema riguarda non solo tutti noi ma anche il Tutto.

In una breve ma interessante polemica con un simpatico organizzatore di eventi, ho appreso che l’uomo non è al livello di una pianta qualsiasi, che l’uomo non vive ‘semplicemente’ (cosa che invece fa ad esempio una pianta, che sta sempre lì ferma in un posto a fare, tra l’altro, la sintesi clorofilliana senza la quale noi non potremmo respirare, ma questo processo, secondo questa persona, è solo un dettaglio da new-age-del-bosco …) ma che egli, l’Uomo, può interferire con la realtà.

     

Possiamo in effetti confermare che molti aspetti della grave interferenza dell’Uomo sull’ambiente, sugli animali ed in fondo su sé stesso medesimo, siano sotto gli occhi di tutti.

Naturalmente, nella polemica la persona voleva forse ‘esclusivamente’ riferirsi ad un concetto filosofico applicabile alla realizzabilità di un ‘Opera d’Arte’ (intesa come interferenza con il reale conforme), ma è possibile tuttavia concepire ormai che ogni gesto debba necessariamente includere un grado di Coscienza Elevato, che nessuna azione consapevole e volontaria possa essere esule da questo principio e che pertanto anche l’opera d’arte, profondità e arcano recesso della psiche e dell’ inconscio umano, debba essere in connessione profonda con la Coscienza Collettiva.

Sull’aspetto della differenza sostanziale tra l’uomo e una pianta (manteniamoci su questo esempio, ma in effetti potremmo citare uno qualsiasi degli enti, citati nella sequenza iniziale) non possiamo dare torto a questa stimatissima e colta persona, ciascuno svolge complessissime funzioni che interagiscono a livelli inimmaginabili nel bene e nel male. Ma è proprio in questa connessione con tutte le altre, che si trova celato il Mistero.

Ma fin dall’inizio, l’ Uomo/Umanità, quest’aggregato di Energia Universale organizzata attorno ad uno degli infiniti Centri di quell’Energia che con Forza si consolida per poi distribuirsi in ogni pietra, vegetale, animale, definendone principio e fine, forma e specificità in sé stessa e per l’insieme tutto, fin dall’inizio della sua organizzazione sulla Madre Terra, questo aggregato pensò di chiamarsi: Io (uomo) incarno la vera Vita.

Vagabondando per i continenti come cellule in un organo, si diffuse insieme a tutte le altre, la nostra specie osservando la Terra e il Cielo. Ponendosi domande e cercando di decifrare codici nascosti nelle Stelle, prima astronomicamente e poi proiettando quel piano sulle vite, astrologicamente.

        

Ora come allora, assistiamo alla diffusione globale di temi di importanza assoluta, considerati ancora con grande superbia da benpensanti, commercianti, materialisti incalliti come fossero mercanzie di second’ordine.

Ora come allora, all’inizio della nostra permanenza sulla Madre Terra, dobbiamo cercare i codici della Trasformazione e decifrare ogni singola azione da porre in essere per esser degni e buoni ospiti!

Alla Discesa Energetica deve necessariamente corrispondere un Espansione di Coscienza, per compensare i danni prodotti finora attraverso mezzi concreti e spirituali, attraverso l’approfondimento di materie che permettano l’espansione dell’Essere da una dimensione conformata al sistema attuale (perdente) ad una dimensione che comprenda in sé il Tutto.

Studiare e approfondire non riducendo a vuoti slogan e sperimentare nel quotidiano, nei gesti, nei pensieri e soprattutto nei comportamenti ogni possibile attivazione: dei sensi, dei sentimenti, delle responsabilità, dell’inventiva, della terra.

Senza paura di ciò che è Trasformazione!

Per ora, Buona vita!

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.







Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Decrescita








Commenti

mi piace

Francesco Lardieri - 14 novembre 2012

Esegui il login o registrati al sito per rispondere al commento.

 
Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati