Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

La piadina romagnola: provala in versione veg!

La ricetta del cibo di strada più famoso in una variante appetitosa e golosa

La Redazione di Vivi Consapevole




 

La piadina romagnola è sicuramente uno dei cibi di strada più conosciuti e apprezzati.

E' un piatto veloce, economico che puoi mangiare dove vuoi senza necessariamente dover stare seduto a tavola.

E' golosa perché la puoi riempire con gli ingredienti che ti piacciono di più, sia dolci che salati, sbizzarrendo la fantasia; oppure la puoi usare come sostituto del pane durante il pasto.

 

 

 

Il mangiare dei poveri

La piadina è un piatto tipico della tradizione romagnola antichissimo (i primi a farla sono stati gli Etruschi), che è stato esportato non solo nel resto d’Italia, ma anche in varie parti del mondo (qualche anno fa è approdata persino nella Grande Mela). Gli ingredienti sono semplici e “poveri” (era il mangiare dei contadini): farina, acqua, sale e strutto di maiale.

Negli ultimi tempi, però, per andare incontro alle esigenze di chi è vegano o di chi digerisce male le farine bianche, sono nate diverse versioni “alternative” che fanno sì che la piadina sia ancora più appetitosa e invitante, rendendola tradizionale ma innovativa al tempo stesso.

Ecco quindi una variante alla ricetta tradizionale, facile da fare che potrai gustare con alcune proposte di farcitura.

E se vuoi sbizzarrirti, prova a usare farina di kamut, di canapa, di farro o quella che ti ispira di più!

Provala così!

Per una farcitura alternativa ma appetitosa della tua piadina ti proponiamo queste varianti:

  • con verdure e avocado: scegli le verdure di stagione, tagliale a fettine sottili e scottale per qualche minuto su una griglia con un filo di olio. Taglia l’avocado a dadini e farcisci;
  • con tofu, funghi e melanzane: cuoci i funghi già puliti e tagliati a fettine sottili, in un tegame con un filo di olio evo, aglio e prezzemolo. Intanto taglia anche le melanzane a fettine sottili e cuoci alla griglia. Taglia il tofu a dadini; farcisci la piadina unendo tutti gli ingredienti;
  • con hummus di ceci: in un mixer metti i ceci già cotti, con uno o più spicchi di aglio, un po’ di curry, di salsa tahina e di succo di limone. Frulla fino a ottenere una crema morbida e farcisci la piadina;
  • con crema di nocciole: per una variante dolce, spalma sulla piadina della crema di nocciole.

Piadina con farina integrale

Ingredienti:

  • 500 g di farina integrale oppure di grano 0;
  • 60 g di olio extra vergine di oliva;
  • sale fino q.b.;
  • 1 pizzico di bicarbonato di sodio;
  • 150 ml di acqua;
  • latte di soia q.b. (facoltativo)

In un pentolino, scalda l’acqua: dev’essere tiepida ma non bollente. Versa la farina in una grossa ciotola capiente, oppure direttamente a fontana sul piano di lavoro; sistema la farina a cratere, e aggiungi il sale, il bicarbonato di sodio e l’olio al centro.

Impasta bene, quindi versa gradualmente l’acqua tiepida ed eventualmente il latte di soia (rende la piadina più morbida). Il composto dovrà risultare facile da lavorare, non troppo asciutto e neppure troppo liquido.

Nel caso fosse troppo liquido puoi aggiungere altra farina, se invece è troppo asciutto aggiungi ancora acqua. Lavora a fondo l’impasto con le mani e quando apparirà abbastanza omogeneo, fai una palla e lasciala riposare per circa mezz’ora in una ciotola coperta con un panno umido.

Stendi l’impasto sul piano di lavoro: lavoralo nuovamente con le mani, e quando il composto sarà di nuovo liscio e omogeneo, taglialo in quattro o cinque parti in modo da formare delle palline più piccole.

Scalda una padella in acciaio con fondo spesso (la tradizione vuole che la piadina si cuocia sul testo, la tipica padella in ghisa o in terracotta, tonda, bassa e piatta) e nel frattempo stendi le palline di impasto una alla volta con un mattarello.

La piadina dev’essere grande al punto da non fuoriuscire dalla padella; puoi decidere invece di farla più o meno spessa a seconda di come ti piace di più (meglio non eccedere però).

Metti la piadina sulla padella e bucherellala con una forchetta in modo che l’impasto non gonfi durante la cottura. Girala spesso, con l’aiuto di una spatola, per non farla bruciare: quando avrà raggiunto una colorazione dorata è cotta. Tagliala in quattro parti e servirla calda.

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 47


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Alimentazione e salute




Piadina Sfogliata Orzo e Quinoa

Editore: Ki Group

Prezzo: 3,52€

Bio Tahin - Crema di Sesamo

Editore: Sunita

Prezzo: 6,20€

Crema di Nocciole

Autore:

Editore: Rapunzel

Prezzo: 9,44€




Crema di Tofu Biologica

Editore: Clearspring

Prezzo: 3,16€


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati