Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

La Scommessa della Decrescita

Lo sviluppo sostenibile è un ossimoro: recensione al libro di Serge Latouche - tratto dalla rivista Consapevole 15

Valerio Pignatta - 01/08/2008




Il seguente articolo è tratto dalla rivista Consapevole 15.

«Sembra ormai chiaro che oggi viviamo nell'epoca della sesta estinzione delle specie. Quotidianamente, infatti, si registra la scomparsa di un numero di specie (tra vegetali e animali) che va da cinquanta a duecento, un dato drammatico superiore da mille a trentamila volte quello dell'ecatombe delle ere geologiche passate».
Questo è l'incipit del nuovo libro del più noto teorico della decrescita, Serge Latouche, professore emerito dell'Università di Paris-Sud (Orsay), appena tradotto e pubblicato nel nostro paese.
Se la situazione è quella descritta, Latouche rileva tuttavia che «non riusciamo ad afferrarne la portata».
A fronte di questo stato di cose, il silenzio dei partiti, e addirittura dei movimenti “altermondialisti”, è sconcertante. La crescita economica è ancora considerata dai più come la soluzione della questione sociale e in molti casi, addirittura, di quella ambientale.



In un crescendo di dati e riflessioni derivate dai lavori di studiosi di grande autorevolezza, Latouche inquadra la difficile, attuale situazione del pianeta e propone soluzioni intelligenti e di fatto inevitabili per poter continuare ad esistere, sia come individui che come specie.
Ridistribuire, riconvertire, rilocalizzare, ristrutturare, ridefinire, ridurre, riutilizzare, riciclare: sono questi i concetti che permettono di comprendere la portata della trasformazione dell'immaginario e degli stili di vita che il movimento della decrescita propone.
Altri spazi di manovra non ce ne sono. Secondo Latouche si possono pensare solo due scenari tra cui potremo scegliere per cercare di far fronte ai problemi prossimi venturi: o la dittatura globale o la democrazia locale. Le contraddizioni del “liberal-produttivismo” stanno affossando sia lo spirito che la materia. Meglio allora optare per la sana utopia delle decrescita.
Anzi, in ultima analisi, per essere precisi, il messaggio di Latouche è quello di una «“a-crescita”, un ateismo economico». Sì, perché l'economia e il libero mercato sono divenuti la vera e dominante religione del mondo. C'è allora bisogno di un salutare ateismo e anticlericalismo: rivoluzionario in questo senso.

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.







Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Decrescita

Breve Trattato sulla Decrescita Serena

Editore: Bollati Boringhieri

Categorie: Ecologia, ambiente e decrescita

Prezzo: 9,35€ (invece di 11,00€ )


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati