Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

La teoria dei desideri

I desideri sono il nostro motore: quelli che riusciamo a esprimere sono l’estensione della nostra percezione

Igor Sibaldi - 03/05/2017




È antichissima. Per cui se cominci a ragionarci ti ritrovi in giro per vari millenni di storia della letteratura e delle religioni.

Comincia dall'inizio di tutto: proprio dal giorno in cui il Creatore decise che l’universo così com'era non gli andava più, e desiderò qualcos'altro e pronunciò la famosa frase: «Sia la luce!». Desiderava vedere di più. E la luce diede la stura al resto. Prima gli oceani, poi le montagne, e così via, fino a che creò noialtri.

Dopodiché si ebbe il lungo addestramento dell’umanità alla capacità di desiderare. Prima con Adamo. Va da sé, infatti, che quando Dio disse di non mangiare i frutti di quel tal albero, suscitò immediatamente il desiderio di assaggiarne un po’.

Non l’avesse detto, non ci sarebbero state le millecinquecento pagine seguenti della Bibbia: i due primi umani sarebbero ancora lì a passare il tempo Dio solo sa come, nel giardino dell’Eden.

Certo, Dio ebbe qualcosa da eccepire per quei frutti desiderati e mangiati – con gusto, pare. Si arrabbiò, ma va’ un po’ a capire se faceva sul serio o se era una qualche sua intenzione educativa: d'altronde, il famoso Serpente non poteva che averlo messo Lui stesso nell'Eden, perché svolgesse il compito del primo tentatore, diciamo pure del primo Babbo Natale della storia dell’universo.

Poi toccò a Noè. Lì, Dio fece veramente le cose in grande: per insegnare a Noè a desiderare qualcosa di diverso da quello che aveva già sott'occhio, gli propose l’esperienza del Diluvio.

«Appena chiuderai la porta dell’Arca ? gli disse ? farò sparire questo mondo e ne scoprirai un altro completamente diverso».

Beh, a considerare i dettagli di questo racconto, se Dio può essere imputato di disastro premeditato, Noè deve risultare come complice: si fosse accontentato del mondo che c’era già, non avrebbe mai chiuso la porta di quell'Arca – e il mondo sarebbe continuato, e nessun nuovo mondo gli si sarebbe rivelato.

Invece Noè desiderò. E ottenne.

Poi sarebbe lungo proseguire tappa per tappa: Abramo che impara a desiderare anche lui qualcosa di diverso «dalla casa di suo padre, dalla sua patria, dal suo parentado»; Giacobbe che desidera moltissimo; suo figlio Giuseppe che desidera ancora di più, e diventa viceré d’Egitto; Mosé che desidera nientemeno che una Terra Promessa, e un popolo che la abiti – e insegna a quelli che allora erano extra-egiziani (proprio come oggi si è extra-comunitari) a diventare appunto un popolo nuovo, il che nessuno di loro si era mai sognato prima. E così via.

Fino a Gesù, con il famoso motto: «Chiedete e vi sarà dato», il cui senso chiarissimo è che ti viene dato solo se e quando chiedi, cioè quando prendi sul serio i tuoi desideri, mentre se non chiedi niente è inutile che stai lì ad aspettarti qualcosa.

E accanto a questa tradizione, sulle altre rive del Mediterraneo c’era quel desideratore specializzato di Ulisse, e poi Roma che cresceva di desiderio in desiderio, fino a che venne superata da altri – i Barbari – che desideravano più intensamente, mentre i Romani erano un po’ troppo soddisfatti di quello che avevano già accumulato…

Perché i desideri sono importanti

Come vedete, si può spaziare molto, trattando di desideri, e mi sono limitato a una brevissima antologia. Il grande e, secondo me, bellissimo problema è perché i desideri siano stati e siano ancora così importanti.

Questo non ve lo anticipo. Ne parleremo al congresso.

Solo, vi invito a riflettere su come sarebbe la vita di una persona che, per le più svariate ragioni, avesse deciso e fosse riuscita a non desiderare più niente. Immaginate questa persona: com'è contenta!

Ha già tutto quello che vuole, è già tutto quello che vuole. Sicuramente è un tipo che pensa positivo: desiderare, infatti, implica il negativissimo e stressantissimo pensiero: “C’è qualcosa che non sono ancora riuscito a realizzare!”. Un pensatore positivo, dunque, che si compiace di sé, e si vanta, e al mattino guardandosi allo specchio dice: “Però!” con un bel sorriso di ammirazione.

Gli parli di qualcosa, e non gli interessa, perché tutto quello che gli interessa lo sa già.

Gli racconti di quello che speri di fare, e ti guarda con compatimento, pensando che tu, alla tua età, hai ancora motivi di insoddisfazione e quindi di conquista.

La sera si addormenta tranquillo nel migliore dei letti possibili, e al mattino si sveglia nel migliore dei mondi possibili, anche se in quel mondo capitano catastrofi dappertutto e ci sono miliardi di persone che soffrono.

Che gliene importa: lui non soffre. E può vivere così per decenni, ringraziando l’universo per le tantissime cose che gli sono andate tanto bene. A te piacerebbe, come prospettiva? Desidereresti una simile immunità dai desideri?

Conosco qualcuno che risponderebbe: «Beh, sì!» e che in nessun caso darebbe ascolto a chi volesse dimostrargli che c’è, in questa prospettiva, qualcosa di spaventoso

 

Igor Sibaldi parteciperà al Vivi Benessere 2017. Scopri l'evento!

 

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 48


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Crescita Personale

Il Mondo dei Desideri

Editore: Edizioni Tlön

Prezzo: 12,67€ (invece di 14,90€ )

Misura x Misura

Prezzo: 10,12€ (invece di 11,90€ )

Al di là del Deserto

Prezzo: 13,52€ (invece di 15,90€ )

Quaderno dei Desideri

Editore: Edizioni Tlön

Prezzo: 3,90€ (invece di 3,90€ )




Libro degli Angeli e dell'Io Celeste

Editore: Sperling & Kupfer

Prezzo: 15,30€ (invece di 18,00€ )

Libro della Personalità

Editore: Sperling & Kupfer

Prezzo: 15,22€ (invece di 17,90€ )

Io Ti Immagino

Editore: Mursia

Prezzo: 13,60€ (invece di 16,00€ )

L'Arca dei Nuovi Maestri

Editore: Oscar Mondadori

Prezzo: 9,00€ (invece di 12,00€ )




Dieci Obiezioni ai Comandamenti

Editore: Spazio Interiore

Prezzo: 15,00€ (invece di 15,00€ )

I Confini del Mondo

Editore: Edizioni Tlön

Prezzo: 12,67€ (invece di 14,90€ )

La Disobbedienza

Editore: Anima Edizioni

Prezzo: 7,65€ (invece di 9,00€ )

La Scrittura del Dio

Editore: Spazio Interiore

Prezzo: 5,95€ (invece di 7,00€ )





Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati