Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

MeditAzione: consapevolezza emotiva e corporea

Una pratica adatta ai nostri bambini

La Redazione di «L’altra medicina magazine» - 02/10/2017




Prendendo spunto dai benefici della meditazione, ormai assodati a livello scientifico, Liliana Crotti e Simone Migliorati hanno messo a punto un percorso che inizia nelle scuole, dove gli alunni manifestano spesso, accanto allo sviluppo di competenze cognitive, modalità di stare in classe caratterizzate da agitazione, disattenzione spesso provocate dagli stimoli continui, dalle richieste, dalle aspettative del mondo adulto o da difficoltà vissute nel contesto familiare. Diamo voce ai due autori e operatori in ambito scolastico, che ci raccontano la loro esperienza.

MeditAzione© permette al bambino e al ragazzo di sperimentare momenti di recupero, di rilassamento profondo e viscerale, per riconoscere gli stati mentali ed emotivi e prendersene cura; ciò comporta sicuramente una nuova consapevolezza personale emotiva e l’assunzione di responsabilità rispetto al proprio agire nei confronti dell’ambiente circostante. MeditAzione© permette quindi di sviluppare maggiormente l’attenzione, la concentrazione, i tempi di tenuta rispetto all’attività didattica e cognitiva, incrementando l’autostima e la resilienza, facilitando inoltre l’apprendimento didattico.

MeditAzione© diviene così un percorso in grado di fornire un’alfabetizzazione emotiva, portando maggiore consapevolezza nel mondo del bambino e del ragazzo, permettendogli di sperimentare emozioni e di poter comprendere cosa succede nel proprio corpo nel momento in cui le prova.

Come viene recepito 

MeditAzione© viene vissuto dai bambini e dagli adolescenti come un gioco molto divertente, che permette loro di viaggiare nell’arcipelago della propria mente, con una modalità ludica ma fortemente evolutiva.

Il rilassamento che la meditazione induce nel bambino permette di sperimentare la calma della mente e la gestione dei propri pensieri e delle proprie emozioni. La pratica della meditazione nei bambini consente, anche ai più piccoli, di acquisire consapevolezza del mondo esterno e, parallelamente, di ricercare una forma di silenzio interiore definibile come pausa dalle azione quotidiane. Quello di contattare il proprio sé corporeo attraverso il rilassamento è un aspetto fondamentale della meditazione; il bambino pertanto inizierà a prendere coscienza del proprio sé mentale, dei suoi contenuti, dei pensieri e della maniera in cui gestirli e lasciarli fluire.

Come avviene il percorso meditAzione© 

Assistere a un incontro di meditAzione© è un’esperienza molto particolare anche per gli adulti (insegnanti, educatori ecc.) che partecipano come osservatori. Molto spesso capita di raggiungere livelli emotivi così profondi da riuscire anche a fare esercizi che gli adulti di riferimento non credevano realizzabili. 

Il percorso ha una durata media di circa dieci ore, che sono ripartite in incontri della durata di un’ora-un’ora e trenta minuti, il tutto variabile e sempre definito in fase progettuale, a seconda delle classi coinvolte e di ciò che si intende raggiungere. 

Il gioco ha un ruolo fondamentale 

Le metodologie di meditAzione© sono fortemente ludiche: ai bambini vengono proposti alcuni giochi stabiliti dai conduttori ma sempre modificabili sul campo, a seconda di ciò che la contingenza richiede o il momento presente porta a galla. 

Nei giochi i bambini vengono quindi accompagnati con gradualità a sentirsi liberi di esprimersi con la voce o con il corpo, partendo da uno spunto di riflessione comune (ad esempio, immaginare di essere delle nuvole bianche nel cielo); è fondamentale che anche i conduttori si mettano in gioco e si pongano a livello dei bambini.

Quando la curva fisiologica emotiva ha raggiunto l’apice di attivazione del sistema nervoso involontario simpatico, i bambini saranno in uno stato mentale molto più ricettivo e riflessivo: è esattamente in quel momento che viene proposta loro una visualizzazione meditativa, mai troppo dettagliata, per lasciare spazio ai bimbi di vivere e vedere ciò che immaginano. 

La “decantazione emotiva” 

La fase di chiusura di meditAzione© è molto evocativa e diventa uno spunto interessante. I bimbi infatti, disegnando ciò che hanno visualizzato nel loro mandala personale, condividono con gli altri la propria esperienza, e sempre in questa fase c’è un momento di silenzio e di rispetto dei tempi che lascia a bocca aperta gli insegnanti: questa è la fase di “decantazione emotiva” di quanto vissuto nell’esperienza. 

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 50


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Crescita Personale


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati