Se non visualizzi corettemente questa newsletter clicca qui

Il Consapevole Newsletter
Home   Abbonamenti   Articoli   Libri   Eventi


Esattamente 100 anni fa, il 7 novembre 1910, moriva il grande scrittore russo Lev N. Tolstoj.
Nell'anno del centenario della morte si sono svolti, e si vanno svolgendo, in varie città d'Italia, numerosi convegni e incontri, sia accademici che organizzati da associazioni e assessorati alla cultura, sulla sua figura. Tolstoj è uno degli scrittori in assoluto più amato di ogni tempo ed ha avuto anche un impatto di non poco conto sulla politica internazionale del Novecento e sulle scelte etiche e sociali di numerose persone nel mondo.

Ma tutti questi convegni, come quello internazionale di aprile organizzato a Gargnano (BS) dal Dipartimento di studi linguistici, letterari e filologici dell’Università degli Studi di Milano dal titolo: "La sincerità di Tolstoj – Letteratura, pensiero e vita a 100 anni dalla morte", e cui hanno partecipato studiosi provenienti da atenei e istituti italiani e stranieri (ad esempio, l’Accademia delle Scienze di Mosca, il King’s College di Londra, il Museo Tolstoj di Mosca), hanno affrontato i contenuti del pensiero tolstojano solo da un punto di vista prettamente letterario.

Il Tolstoj della svolta etica, quello della crisi interiore dei cinquant'anni che lo ha spinto a dichiarare che tutto quello che aveva scritto prima (i suoi capolavori letterari) erano “sciocchezze” (Diari, 6 dicembre 1908) e che solo l'impegno spirituale, etico e sociale in cui si stava immergendo gli dava un senso per giustificare l'esistenza, non viene citato. Questa sua intima “conversione” non viene mai presa in considerazione o viene riportata solo di sfuggita.  Eppure fu una crisi che lo spinse quasi sull'orlo del suicidio e dalla quale uscì solo leggendo il Vangelo, prima traccia spirituale che allargò poi anche ad altri autori orientali come il taoista Lao tze, Confucio o il Buddha.
Il neo-Tolstoj politico-religioso scrisse qualcosa come più di duecento saggi sui temi più disparati dell'impegno politico, religioso e sociale: nonviolenza, antimilitarismo, povertà delle classi meno abbienti, alfabetizzazione per tutti, boicottaggio dello stato e delle chiese, nobiltà dell'agricoltura, difesa della natura, libertà dell'essere umano, vegetarianesimo, abolizione della caccia ecc.
Una visione a trecentosessanta gradi che si è rivelata nei decenni successivi davvero profetica e che ha incantato già al suo tempo personaggi come M.K. Gandhi che fecero dei principi di rispetto della vita tolstojani un percorso interiore e politico dalle conseguenze inimmaginabili. Influenze che portarono ad esempio un paese come l'India a liberarsi dal dominio inglese proprio attraverso la pratica della nonviolenza di tolstojana memoria.

Valerio Pignatta – Amici di Tolstoi


“Gli Amici di Tolstoi” è un gruppo di ricerca nato nel 1990 con lo scopo di far conoscere la personalità e l'opera di Tolstoj nella sua interezza, con riguardo quindi anche alle sue doti di grande ricercatore di verità ed eccellente divulgatore di messaggi di pace, giustizia e amore.

Approfondimenti online:
http://digilander.libero.it/AmiciTolstoi/
http://www.liberospirito.org

Leggi un ulteriore approfondimento sul pensiero politico e sociale di Tolstoj sul Consapevole 24 in uscita a gennaio 2011.


 

www.ilconsapevole.it

Visita il nostro sito, troverai articoli inediti, promozioni e anticipazioni di articoli

-------------------------

Se sei interessato alla nostre publicazioni, a inserire una pubblicità sulla rivista,
ad averla in vendita nel tuo negozio o altro,
invia una e-mail a:
info@ilconsapevole.it
oppure chiama
il nr 0547.347627

 

-------------------------

Ricevi questa e-mail perchè ti sei registrato al nostro servizio newsletter

Se non vuoi più ricevere altri aggiornamenti puoi cancellare il tuo nominativo
dalla lista degli utenti inserendo la tua e-mail nel modulo di cancellazione che trovi
qui

Se, al contrario, la nostra iniziativa e le nostre proposte ti interessano
e pensi possano interessare anche a qualche tuo amico, puoi aiutarci inviando
questa e-mail a persone di tua conoscenza.