Ingrandisci testo Riduci testo Stampa
Scrivi commento Leggi commenti Invia ad un amico

Più sporchi, più sani!

Microbi e batteri sono fondamentali per un intestino sano, ecco perché è importante che i bambini giochino con la terra e si sporchino

Marianna Gualazzi - 03/11/2017




 

Quando racconto che ho partorito in casa i miei tre figli molte persone mi chiedono come abbia fatto a sterilizzare la casa per farli nascere in un ambiente senza batteri: come se il bambino, quando attraversa il canale del parto e passa dalla vagina stesse attraversando un ambiente sterile!

Oggi sappiamo che neppure il liquido amniotico è sterile come si pensava fino a pochi anni fa (ce lo racconta Anne Katharina Zschocke nel libro I Batteri Intestinali: la chiave per guarire e vivere in salute), eppure la nostra principale preoccupazione quando arriva un piccolo in famiglia, è quella di disinfettare e sterilizzare tutto quello che lo circonda.

 

 

 

 

 

Grazie batteri, grazie!

Le ricerche più recenti dimostrano che pulito e disinfettato non è sinonimo di sano e che, sia per gli adulti che per i bambini, il contatto con ambienti naturali, non sterilizzati con prodotti chimici, sia fondamentale per il benessere dell’intestino e conseguentemente per il buon funzionamento del sistema immunitario.

Ma perché è importante, soprattutto per i più piccoli, stare a contatto con la terra, con la sabbia, anche con gli animali e rifuggire da case iper-sterilizzate?

Perché nel mondo naturale ci sono i batteri e di batteri siamo fatti anche noi, come spiega Anne Katharina Zschocke:

«Oltre ai propri geni cellulari, l’essere umano possiede i geni di miliardi di batteri che vivono nel e sul suo corpo. Sono loro che provocano lo sviluppo degli organi e che governano digestione e comportamento, che mettono in movimento il sistema immunitario e molto altro. Noi pensavamo di essere il risultato dei nostri propri geni originari, mentre la scoperta rivoluzionaria è che grazie ai batteri in noi, siamo in correlazione con tutti i microbi della terra e dentro di noi portiamo una specie di organo, che finora non avevamo ancora riconosciuto come tale. La totalità dei geni dei nostri microbi è stata battezzata con il nome di microbioma».

La scienza ha dunque scoperto che noi siamo portatori sani di batteri in misura molto maggiore di quello che si poteva pensare fino a qualche decennio fa e che senza di essi la salute del nostro corpo va in crisi e compaiono le tante malattie e disturbi cronici che aumentano esponenzialmente di decennio in decennio.

Stiamo parlando di diabete, allergie, asma, malattie infiammatorie croniche intestinali, malattie auto-immuni, autismo, obesità e certi tipi di cancro.

Giocare con la terra fa bene

Che fare? Ovviamente il consiglio non è quello di vivere nello sporco, ma quello di evitare la maniacalità e di offrire a bambini, anche molto piccoli, ai ragazzi e anche a noi adulti occasioni di confronto con il mondo naturale e con case non sterilizzate, ma pulite con prodotti naturali.

I miei figli hanno tutti e tre gattonato a lungo, per oltre quattro o cinque mesi, tutti e tre si sono anche succhiati il dito. Immagino che abbiano ingerito milioni di batteri e che siano venuti a contatto con microrganismi di ogni tipo. Sarà un caso che nessuno di loro soffra di intolleranze, allergie alimentari e respiratorie, che digeriscano anche i sassi e che la loro regolarità intestinale sia quella di un orologio svizzero?

Forse sì, oppure la loro lunga permanenza al suolo a quattro zampe, il fatto che siano stati allattati al seno e che siano stati svezzati a tavola con cibi sani, biologici, freschi e tradizionali hanno fatto la loro parte.

«Mai prima d’ora nella storia umana neonati e bambini sono cresciuti tanto puliti – scrivono B. Brett Finlay, Marie-Claire Arrieta nell’articolo Get your children good and dirty la cui traduzione italiana è pubblicata sul blog del «Bambino Naturale» – mentre la nostra dieta ha perduto tanti degli elementi più essenziali alla salute intestinale. Ci siamo trasformati in pessimi ospiti per i nostri microbi. Neonati e bambini ai primi passi spesso non hanno il permesso di giocare con la terra e la sabbia, e quando anche lo ottengono vengono puliti subito dopo. Frasi del tipo: “Non giocare nel fango!” o “Non toccare, quell’insetto è sporco!” sono ormai all’ordine del giorno. Sono tutte abitudini da disimparare. Impedendo ai bambini, sin da piccolissimi, di seguire il proprio istinto innato a sporcarsi, li proteggiamo da quell’esposizione microbica che è essenziale allo sviluppo di un sistema immunitario sano».

 

Il Nuovo Numero di Vivi Consapevole!

 

Ecco come ottenerla:

Macrolibrarsi.itIn Omaggio acquistando su Macrolibrarsi.it, ricevi gratuitamente la rivista per ogni ordine effettuato fino ad esaurimento scorte, poi riceverai il pdf.

NOVITA! App ViviConsapevoleApp ViviConsapevole, scarica gratuitamente la App per iPad e iPhone! troverai anche tutti i vecchi numeri di ViviConsapevole!

Ebook ViviConsapevoleEbook ViviConsapevole, scarica gratuitamente la versione digitale della rivista per leggerla sul pc, tablet e smarthphone.




Articolo tratto dalla rivista nr. 50


Condividi questo articolo

  • Share this post on Facebook
  • Tweet about this post
  • Share this post on Google
  • Share this post on Delicious


Categorie: Naturalmente bambini e genitori


Scrivi il tuo commento

Per farlo è necessario eseguire il login. Se invece non sei ancora registrato puoi farlo ora. Login - Registrati